Messaggio su Facebook del 11 aprile 2021

Gentile Serena, sono Lello Voce, poeta napoletano e (ex)giornalista. Ho ancora un blog sul Fatto Quotidiano, ma ormai scrivo poco sui quotidiani. Sono stato l’autore della prima contro-inchiesta sui fatti di Genova e sull’assassinio di Carlo Giuliani, con tutta la serie di “problemi” che questo tipo di inchieste portano con sé. Da giovane ho anche scritto per “La Voce” del grande Cinquegrani. Le ho inviato una richiesta di amicizia, ma, al di là di questo le scrivo per ringraziarla. Il suo lavoro sul CoVid è magistrale, è acqua per tutti gli assetati che come me stanno cercando di mantenere la bussola ferma nel caos di questa ennesima emergenza. Forse essere napoletano mi sta aiutando, e essere veneto (vivo a Treviso) mi ha suggerito che si poteva e si doveva fare diversamente. Ho letto le sue pagine in una sola notte. Lei ha fatto ciò che io sognavo di fare, se ne avessi avuto la capacità e le forze. GRAZIE. Farò tutto quello che le mie povere forze mi permetteranno, se lei me lo permetterà, per dare risalto a questa sua splendida inchiesta. Dobbiamo tornare lucidi, guardare i fatti, analizzare, RICORDARE, progettare. Che a farlo sia stata un’allieva (come me) dell’Istituto Italiano per gli Studi filosofici non mi meraviglia. Insomma, visto che mi hanno dato un Premio Napoli, nel 2012, cercherò di guadagnarmelo. Lei mi ha ridato forza, voglia, speranza. La abbraccio dal Nord Est e scusi questa mia invadente intrusione.



GRAZIE per gli oltre 7.000 “MI PIACE” e 2.258 “CONDIVISIONI”… ANCHE SE NON SI VEDONO!

Questo POST ha registrato fino ad oggi 7.004 “mi piace”, 2.258 “condivisioni” e 192 “commenti”: anche se nella MIA PAGINA Facebook NON APPAIONO!!!
In compenso chi andrà a cliccare sul menù (alla nuova pagina “RECENSIONI e COMMENTI” del mio “Diario ragionato della pandemia” scaricabile gratis su https://www.libroserenaromano.it ) ritroverà tutto. Ma che cosa è successo? Ecco la spiegazione del MISTERO.
Dopo uno scambio di mail, il team di Facebook mi ha comunicato trattarsi di un ERRORE del software: il post che si trova sulla mia pagina, infatti, è rimasto come “CONGELATO” dopo i primi consensi. Viceversa lo stesso post – identico per immagine e contenuto – ma con un altro link (questo: https://www.facebook.com/libroserenaromano/posts/199814435231626 ) è andato in giro su Facebook raccogliendo commenti e condivisioni a piene mani. Controllare per credere e verificare i numeri GIUSTI: del resto, chi conosce me ed il mio “Diario” sa che fornisco sempre al lettore la possibilità di verificare le mie affermazioni citandone la fonte.
In nome della corretta informazione, dunque, ho ritenuto IMPORTANTE informarvi di questo dato fuorviante e limitativo riportato per ERRORE sotto il post nella mia pagina. Perché se le migliaia di persone che mi hanno contattata e alle quali ho risposto non trovassero traccia di tutto questo “traffico”, potrebbero rimanere spiacevolmente sorprese o ipotizzare CENSURE (in questo caso INESISTENTI).
Ma soprattutto, dopo avere raccolto l’INVITO DEL POST a NON RIMANERE INERTI nel difendere il diritto costituzionale alla salute, dover scoprire che è scomparsa ogni traccia della propria ADESIONE, aggiungerebbe al danno anche la beffa di vedere cancellata la propria OPINIONE.
Perciò, ho riportato questo post – con i relativi COMMENTI, MI PIACE e CONDIVISIONI – nella nuova pagina “RECENSIONI e COMMENTI” del mio sito www.libroserenaromano.it alla voce “COMMENTI” : così chiunque può cliccare per credere…



Email di Salvatore Settis

Email di Salvatore Settis del 18 giugno 2020

Grazie di avermi dato la possibilità di leggere il Suo libro, davvero denso di moltissimi dati e fatti inquietanti anche per chi, come me, non ha le nozioni scientifiche che permettano di giudicare con sicurezza.
Ma spero che tanta documentazione così chiaramente esposta possa contribuire a dare una svolta positiva alla discussione e soprattutto alle contromisure serie da prendersi.
Complimenti per il Suo lavoro e un caro saluto.

Salvatore Settis

Salvatore Settis archeologo e storico dell’arte, ha diretto il Getty Research Institute di Los Angeles e la Normale di Pisa. È presidente del Consiglio scientifico del Louvre. 

Accademico dei Lincei, ha avuto due lauree honoris causa in giurisprudenza (Padova e Roma 2). Tra i suoi libri pubblicati per Einaudi ricordiamo Italia S.p.A. L’assalto al patrimonio culturale (2002), Futuro del ‘classico’ (2004), Costituzione! (2016) e Architettura e democrazia (2017)



A chi desidera capire cosa sta succedendo con questa pandemia a livello italiano ma anche mondiale

Bellini, moderatore del foruma di forumcommunity.net, scrive nel suo post

A chi desidera capire cosa sta succedendo con questa pandemia a livello italiano ma anche mondiale,
suggerisco di leggere questo straordinario lavoro scritto dalla giornalista Serena Romano
:la migliore analisi che ho letto,fino ad oggi, su questa assurda faccenda ..
Il libro in formato PDF si può scaricare gratuitamente sia sul proprio pc che su un e_book,consta di 2 parti separate.
Io vi consiglio di leggere per prima la 2° parte
Nella speranza che tale lettura vi sia utile

Leggi il post originale a questo link

francesca



La mail di un infermiere

Buongiorno,
vorrei iniziare, prima ancora di presentarmi, ringraziandola di cuore sia per aver scritto questo libro e sia per averlo messo a disposizione gratuitamente alla gente.
Mi chiamo A. e sono un infermiere. Tuttora lavoro in un ospedale a Milano e, in special modo, in un reparto di pazienti covid da svariati mesi.
Le scrivo, un po’ per sfogo, ma anche per confermare quanto i suoi dubbi siano legittimi.Questa pandemia o crisi o stato emergenziale che si voglia è diventata un metodo di governo, una sorta di dittatura per imporre ogni nefandezza con la scusa del covid. Dal non volere curare le persone a casa, fino a farle aggravare, a tenerle in ospedale per decine e decine di giorni senza un valido motivo se non che sono positive.

Il reparto dove mi trovo ha 36 posti letto (prima era una cardiologia);ora i pazienti che arrivano sono molto eterogenei. Persone anziane da case di riposo che essendo risultati positivi li trasferiscono da noi… casi sociali o persone che in stato avanzato d’età (vivendo da sole o con badante) che preferiscono essere ricoverate… persone che hanno avuto un intervento o in un regime riabilitativo post intervento… persone colpite da ictus, infezioni varie o altro tutte ovviamente positive al tampone.
La cosa pazzesca è che, di covid, hanno solo il tampone positivo, niente antibiotici, niente ossigeno (se non a bassissimi flussi per 2-3 persone), ne flebo ne febbre nulla di nulla in poche brevi parole più della metà sono autosufficienti e potrebbero starsene a casa. Qualcuno certo ha la febbre 2-3-4 giorni poi finisce e si ristabilisce e …invece, contro ogni logica finora adottata dagli ospedali ovvero appena superata la fase critica di una malattia di farti tornare a casa, vengono ricoverati giorni e giorni e settimane. Certo che se tutti i reparti covid anche degli altri ospedali fanno così, ci credo che poi gli stessi scoppiano.

Le faccio un paio di esempi anche se son certo lei abbia già capito :
– se mia madre di 75 anni fosse positiva e andasse in ps con febbre e tosse e precauzionalmente la dovessero ricoverare anche se guarisse, dopo 3-4 giorni, (poichè vive con mio padre di 76anni) la terrebbero fino alla negativizzazione,
– se una persona, anche non particolarmente anziana, vivesse da sola condividerebbe la stessa sorte ! ….. e gli ospedali esplodono … boh
La ringrazio per l attenzione e avermi fatto conosce una nuova persona che la pensa diversamente… e avermi dato la possibilità di scrivere, di getto, queste 5 righe di sfogo

P.S: ad oggi, dopo un anno, siamo ancora a 20.000 contagi ??? nonostante mascherine, lockdown, chiudi qua, chiudi là’ e milioni di italiani già immunizzati dalla patologia e o vaccinati ???!!! ma… o i numeri sono sfalsati o tutto questo “teatrino” non è servito a nulla se poi Paesi con molte meno restrizioni hanno meno contagi e morti.

P.S 2: anche il mio reparto, non è certo un’isola felice, e anche qui ci sono stati dei decessi ( a memoria un 7-8 decessi) ma le assicuro che NESSUNO è morto per covid o per sue complicanza… ma finiscono tutte nel ” calderone dei morti di covid”

A.



Il tuo libro è una traccia per decodificare le notizie che arrivano

Commento di Danica Zantomasi su Facebook

“Il tuo libro è una traccia per decodificare le notizie che arrivano. Adesso riesco a “leggerle” meglio. E’ una CHIAVE. Ti posso dire che l’ho inviato anche in Belgio a due amici che lavorano in commissione europea, una di loro certamente lo leggerà. Adesso che ho il tuo ok per postare lo farò”

Danica Zantomasi